.
Annunci online

Tutto quel che puo' venire in mente a un italiano che si e' sposato e spostato in california
TECNOLOGIE
27 giugno 2008
Tecnologie: AROS: VmwAROS su punto informatico e altre apparizioni nei media locali
dal blog di VmWaros - desktop di ARos con wandrere beta che mostra PI

Ci sono dei momenti in cui l'interesse intorno ad un progetto o un lavoro, se pubblicamente diffuso, raggiunge quella che io definisco "livello di guardia", ovvero quando alcuni media di settore cominciano ad interessarsi dello stesso, magari a livello locale;

di recente AROS ha raggiunto il livello di guardia, almeno entro i confini italici; complice la penna di Paolo Besser - conosciuto anche come "Paolone" e noto per la sua collaborazione su TGM -  e' apparso, nella sua distribuzione VmwAROS in CD su Linux Pro (link al blog di VmwAROS) un mese fa e, verso la meta' di Giugno, inclusiva di una recensione/introduzione di quattro pagine e' apparso anche sulla piu' generalista Computer Magazine (link qui al blog di VmWaros).

Ieri invece VmwAROS ha guadagnato l'onore di essere menzionato su Punto Informatico in questo articolo.

Interessante vedere come i commenti sono stati abbastanza vivaci, ma divisi principalmente in:
- persone che non hanno usato amiga e non vedono ragione per AROS
- nostalgici amighisti
- contributori come me
- utenti linux che ritengono AROS e altri sistemi alternativi come ReactOS e Haiku braccia rubate alla causa dell'open source;

Anche lo stesso paolone ha risposto a qualcuno dei commenti; la sua posizione e' molto piu' realistica e pragmatica della mia (che ha qualke speranza per AROS "tifentare patrone ti tesktop" :P - ok di poter usare AROS come OS principale della mia macchina e farci cosa fan gli altri con gli altri OS suona piu' coerente)

Comunque ad uno di loro, tal qualunquist a (non e' un errore, si e' firmato cosi') ho deciso di rispondere.

Il suo commento:
capisco la passione
capisco tutto

ma, da un certo punto di vista, il mondo avrebbe bisogno che le persone come Besser ed altri lavorarassero per far convergere gli sforzi su Linux

non leggetela in politica vi prego (e` un esempio di strategia non una valutazione etica)
ma e` un po' come quando Bertinotti fa il suo progetto di centrosinistra mentre Prodi ne fa un altro, Veltroni un altro e Di Pietro un altro

Nel frattempo Berlusconi arriva e vince.

La Microsoft approfitta della parcellizzazione del mercato tra MAC OS, distro varie, open solaris, haiku, aros, ecc...

Non ha una valenza politica ma di sistema

Vorrei una possibilita concreta di alternativa per poter far scegliere(nei negozi) tra Windows e SISTEMA OPERATIVO ALTERNATIVO


La mia risposta:

"Far coinvolgere gli sforzi su Linux" recentemente pare essere diventato difficile: ogni distro, ogni desktop environment,addirittura ogni fork paiono seguire delle precise linee che vanno al di la' del semplice scopo di portare linux su desktop; ne potrei parlare per centinaia di righe o, per comodita' puntare al blog di linux hater (http://linuxhater.blogspot.com); questo insieme a una architettura di sistema concepita negli anni settanta con una filosofia di base molto piu' developer-oriented che per l'utente finale; o semplicemente potrei dire che non a tutti piace la filosofia linux e il modo in cui il sistema funziona e si relaziona con l'utente finale: a proposito FOSS e' anche liberta' di scelta, perche' limitarsi ai soli dialetti di linux/bsd?

Almeno AROS e' un sistema nato con una filosofia desktop: meno esoso in memoria, piu' facile da configurare di un linux, con strumenti quasi allo stesso livello di potenza, almeno in potentiam, come Regina REXX, eredita cose come la gestione delle periferiche da Amiga OS, gestita in un livello molto piu' intuitivo di Windows; sulla carta i sistemi alternativi AROS, ReactOS e Haiku hanno piu' possibilita' di portare il FOSS sul desktop che Linux, soprattutto per gli utenti meno esperti e che non possono/vogliono passare del tempo a configurare il sistema a puntino come Linux richiede.

Chiaro che queste realta' sono molto meno evolute di un panorama linux e molto del software che ci gira sopra sono dei port, (con eccezione per AROS, il quale ha ereditato molto del software open source gia' presente sotto Amiga); anche perche' queste realta' alternative sono carenti di sviluppatori, solitamente molto piu' incentrati su Linux, ma se si da' un occhio a cosa e' stato raggiunto con un centesimo delle persone impiegate dal pinguino (AROS e', penso al momento l'altro sistema open a parte linux ad avere incarnazione anche su certe schede PPC come la SAM440 oltre che sui x86), la potenzialita' e' alta.

Io ammetto di essere un po' di parte in quanto ex utente Amiga, quindi piu' avvezzo alla sua interfaccia ed al suo modus operandi, ma riconosco che l'intuitivita' di un Wanderer e' alta e molto piu' accessibile che un KDE o un GNOME.

E se pensate che potrebbe essere fatto meglio perche' non venite a dare una mano agli sviluppatori? Una cosa buona di AROS, almeno dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore che non vuole rilasciare sotto GPL e' che la licenza di AROS, basata su APL, consente di sviluppare anche applicazioni commerciali o shareware, quindi se qualcuno ad esempio volesse implementare un software DVD player includendo codice proprietario non ha il problema della licenza.


Be' probabilmente mi sono scaldato un pochino ma penso di aver espresso il mio pensiero chiaramente:P
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Articoli Recenti

Who links to me?

Contatta Simone Bernacchia

 




IL CANNOCCHIALE