.
Annunci online

Tutto quel che puo' venire in mente a un italiano che si e' sposato e spostato in california
TECNOLOGIE
20 marzo 2013
Diario: Tecnologie: Col prosciutto sul cannocchiale

[aggiornamento] Grazie allo staff del Cannocchiale che ha provveduto ad aggiustare i commenti; in questo momento pero' sia i permalink che le sezioni continuano a ritornare errori 404 e per quel che riguarda l'upload delle immagini, ricevo un  There is not enough space on the disk. error, insieme al seguente output:

Description: An unhandled exception occurred during the execution of the current web request. Please review the stack trace for more information about the error and where it originated in the code.

Exception Details: System.IO.IOException: There is not enough space on the disk.

Source Error:

An unhandled exception was generated during the execution of the current web request. Information regarding the origin and location of the exception can be identified using the exception stack trace below.

Stack Trace:

[IOException: There is not enough space on the disk.
]
System.IO.__Error.WinIOError(Int32 errorCode, String maybeFullPath) +10550133
System.IO.FileStream.WriteCore(Byte[] buffer, Int32 offset, Int32 count) +10353804
System.Web.HttpRawUploadedContent.WriteBytes(Int32 offset, Int32 length, Stream stream) +150
System.Web.HttpPostedFile.SaveAs(String filename) +170
Telerik.WebControls.RadEditorUtils.FileSystemContentProvider.StoreFile(HttpPostedFile file, String path, String name, String[] arguments) +90
Telerik.WebControls.EditorControls.FileUploader.StoreFile(HttpPostedFile temporaryFile, String targetFolder, String fileName) +83
Telerik.WebControls.EditorControls.FileUploader.PerformUpload() +292
Telerik.WebControls.EditorControls.FileUploader.btnUpload_Click(Object sender, EventArgs e) +345
System.Web.UI.HtmlControls.HtmlButton.OnServerClick(EventArgs e) +115
System.Web.UI.Page.RaisePostBackEvent(IPostBackEventHandler sourceControl, String eventArgument) +29
System.Web.UI.Page.ProcessRequestMain(Boolean includeStagesBeforeAsyncPoint, Boolean includeStagesAfterAsyncPoint) +2981

Version Information: Microsoft .NET Framework Version:2.0.50727.5466; ASP.NET Version:2.0.50727.5456


Chiunque entri per la prima volta nella home del cannocchiale si trova davanti una pagina magari un po' demode' e semplice con una lista, ordinata, degli ultimi argomenti postati nei blog (103000+ al momento in cui sto scrivendo questo pezzo); Se codesta persona in seguiro decide di visitare uno dei canali tematici in alto clicca il bottone e...






...si trova una schermata del genere :(
Nonostante l'incidente, il nostro utente non demorde; torna indietro,trova un argomento interessante nella lista di quelli in home e decide di lasciare un commento. Inserisce i dati, inserisce il suo testo, il CAPTCHA, preme invio e...

...

non succede niente?

Oddio, il nostro utente non e' esattamente sprovveduto e a digiuno di html, quindi apre un debugger (come firebug o l'inspector di chrome) e riprova l'operazione per capire cosa sta succedendo; questo e' quel che viene fuori:

[immaginatevi una immagine con un numero di errori ASP qui]
Per dovere di cronaca, e per causa di un ulteriore errore [server is full] che mi impedisce di inserire ulteriori immagini, trascrivo qui sotto:

Uncaught exception: Sys.WebForms.PageRequestManagerServerErrorException: Sys.WebForms.PageRequestManagerServerErrorException: An unknown error occurred while processing the request on the server. The status code returned from the server was: 404
Error thrown at line 5, column 19558 in <anonymous function: _endPostBack>(a, d, f) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=7mRRT4DV63ks2i082rtv7eIYJFHT97fE-0LT5dAV1dZm4gFUvlyyJNPCu3R6AYHuyG_XYOPRBeAk1L2bqZEay5ihRzeT7nJ0KJa4YY95dZW4JzfwECZyOsvIyKmy0wSlii0hcOElx1yeePNva7gx2za8JQA-SQApfBwdz7XX-DFzqWuF0&t=ffffffffb868b5f4:
throw a
called from line 5, column 36396 in <anonymous function: _onFormSubmitCompleted>(c) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=7mRRT4DV63ks2i082rtv7eIYJFHT97fE-0LT5dAV1dZm4gFUvlyyJNPCu3R6AYHuyG_XYOPRBeAk1L2bqZEay5ihRzeT7nJ0KJa4YY95dZW4JzfwECZyOsvIyKmy0wSlii0hcOElx1yeePNva7gx2za8JQA-SQApfBwdz7XX-DFzqWuF0&t=ffffffffb868b5f4:
this._endPostBack(this._createPageRequestManagerServerError(c.get_statusCode()),c,);
called from line 5, column 583 in <anonymous function: Function.createDelegate>() in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
return b.apply(a,arguments)
called via Function.prototype.apply() from line 5, column 58685 in <anonymous function: getHandler>(c, d) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a[b](c,d)
called from line 5, column 134518 in <anonymous function: completed>(b) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a(this._executor,b)
called from line 5, column 123922 in <anonymous function: _onReadyStateChange>() in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a._webRequest.completed(Sys.EventArgs.Empty)

Error created at line 5, column 5436 in <anonymous function: Error.create>(d, b) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
var a=new Error(d);
called from line 5, column 12230 in <anonymous function: _createPageRequestManagerServerError>(a, d) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=7mRRT4DV63ks2i082rtv7eIYJFHT97fE-0LT5dAV1dZm4gFUvlyyJNPCu3R6AYHuyG_XYOPRBeAk1L2bqZEay5ihRzeT7nJ0KJa4YY95dZW4JzfwECZyOsvIyKmy0wSlii0hcOElx1yeePNva7gx2za8JQA-SQApfBwdz7XX-DFzqWuF0&t=ffffffffb868b5f4:
var c="Sys.WebForms.PageRequestManagerServerErrorException: "+(d||String.format(Sys.WebForms.Res.PRM_ServerError,a)),b=Error.create(c,{name:"Sys.WebForms.PageRequestManagerServerErrorException",httpStatusCode:a});
called from line 5, column 36396 in <anonymous function: _onFormSubmitCompleted>(c) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=7mRRT4DV63ks2i082rtv7eIYJFHT97fE-0LT5dAV1dZm4gFUvlyyJNPCu3R6AYHuyG_XYOPRBeAk1L2bqZEay5ihRzeT7nJ0KJa4YY95dZW4JzfwECZyOsvIyKmy0wSlii0hcOElx1yeePNva7gx2za8JQA-SQApfBwdz7XX-DFzqWuF0&t=ffffffffb868b5f4:
this._endPostBack(this._createPageRequestManagerServerError(c.get_statusCode()),c,null);
called from line 5, column 583 in <anonymous function: Function.createDelegate>() in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
return b.apply(a,arguments)
called via Function.prototype.apply() from line 5, column 58685 in <anonymous function: getHandler>(c, d) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a[b](c,d)
called from line 5, column 134518 in <anonymous function: completed>(b) in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a(this._executor,b)
called from line 5, column 123922 in <anonymous function: _onReadyStateChange>() in http://www.ilcannocchiale.it/ScriptResource.axd?d=WGkLAOzF2Oy-RDMnEJYnK3wcb_XLfsrjJm7Y5Su0iks8QemJiHzGFkwMOgIAz3RaYb8cT6kk-zUXlcV_DzPiF3Vn_dKe6b_LBPgcdHZsdHIMMXlY6vxBb7OztGRVqLFtRoOH_OIH7hY4kUnTekGq5n8WjEk1&t=ffffffffb868b5f4:
a._webRequest.completed(Sys.EventArgs.Empty)



Qualche tempo fa ho mandato una mail a uno dei responsabili di DOL con diversi degli errori presenti sulla piattaforma; ho ricevuto risposta di aver inoltrato tali errori al servizio tecnico ma da allora non vedo miglioramenti: anzi.

Mi impegno a mettere i contatti di DOL in questa pagina se per la settimana prossima almeno le peggiori magagne del blog non saran riparate, si che altra gente potra' mettersi in contatto; per dovere di cronaca il numero di telefono di DOL e' sul sito stesso, unico tassello mancante e' un nome cui mandare i dati.

[conclusione]
Non son pratico di come stiano andando le cose in DOL e la distanza continentale non aiuta; probabilmente la sofferenza dell'economia sta avendo ripercussioni e si decide di talgiare le spese e le manuitenzioni dove i soldi non vengon fatti, come nella piattafroma blog gratuita stessa.

Centomila e piu' bloggers, comunque, al di la dei contenuti - e dei NON contenuti, certe volte - non li considererei spazzatura; e neanche il motore dietro a questi, che nonostante l'incuria continua a funzionare e a mostrarli; che poi pezzi laterali si perdano come commenti,canali tematici, profili, ecc. e' un altro conto.

Un modo per avere la piatta attiva e meno spese sarebbe quello di farla open source: togliere i pezzi di terze parti, mettere i sorgenti su sourceforge o github con una lincenza GPL MIT o mozilla e lasciare che la community aggiorni, crei widgets, temi e si prenda cura del debug; poi come entita' creatrice provvedere servizi di supporto a pagamento verso le terze parti; con servizi come Wordpress funziona; per il mondo dot net conosco solo l'esistenza blogengine e neanche tanto bene come piattaforma; se l'engine del cannocchiale puo' competere con questo io ci farei un pensierino.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. problemi ilcannocchiale errori dol

permalink | inviato da saimon69 il 20/3/2013 alle 1:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
15 maggio 2009
Diario: Tecnologie:AROS: Open Source: la dura e sconnessa strada per l'1.0...
Prima di tutto un grazie a quelle persone che leggendo questo blog mi hanno fatto raggiungere un semplice ma per me importante traguardo: quello dei 10000 lettori totali, anche se ci e' voluto circa un anno e mezzo. Grazie ancora a tutti voi!

Mi sono dovuto assentare per un po' dalla scena blog in quanto il mio laptop principale era stato messo in mal arnese da un virus ed ho dovuto riformattare e reinstallare il sistema operativo: ulteriore (sgradita) sorpresa e' il trovare che i DVD di backup che avevo fatto paiono non funzionare bene e quindi il mio drive virtuale di AROS potrebbe non essere recuperabile, fortuna che per lo script in lua lavoravo sotto windows e ho copie dello stesso su SD card.

Anche se Przemyslaw "Qus" Szczygielski ha aggiustato il suo pannello di controllo TCPPrefs per AROS, questo non significa che io debba abbandonare il mio progettino: i problemi al mio computer mi hanno fermato per un po' ma sono pronto a continuare; se non altro il relativo thread in aros-exec spero abbia valenza didattica sul come cominciare un progetto in Amilua. In caso e' mia intenzione di postare un tutorial quando avro' un po' di tempo.

Attualmente l'interfaccia utente e' stata impostata; i post di mazze e i vari tutorial sulle regular expressions mi hanno messo in grado di parsare i files di configurazione e di fare copie di backup degli stessi (per ora attraverso un leggi file originale e scrivi in un file copia); cosa mi manca? Primo, di poter impostare la casella a discesa sulla scheda di rete attuale una volta letta la configurazione e secondo di salvare la configurazione stessa con le modifiche da me apportate. Poi, se proprio volessi sggiungere una spruzzata di autocompiacimento, una voce di menu con l'about ;)


La mia applicazione-test configIP e parte del debug output

Una volta finito questo pannello, mi piacerebbe provare a scrivere qualcosa per settare il calendario di Amistart, uno dei pochi widget che abbiamo e che dovrebbe servire come esempio per scriverne altri, cosa che pero' al momento non avviene, oppure magari scrivere una applicazioncina semplice per una gestione rudimentale dei bookmark per OWB, anche se al momento pare non esserci modo di far aprire ad OWB un nuovo indirizzo tramite getURL, e lanciare OWB con la url come parametro si puo' fare solo per lanciare il programma, non per lanciare altre url di seguito a meno di non chiudere la sessione corrente, provato proprio ora....

All'inizio del mese ho aiutato a redigere lo status updarte del sito di AROS e ho detto che i progressi dei mesi scorsi hanno portato il sistema molto vicino alla soglia dell'utilizzo quotidiano; per arrivare a un reale utilizzo quotidiano pero' ci sono ancora diverse cose da affrontare e risolvere, sia dal punto di vista della disponibilita' del software sia da l punto di vista della stabilita' ed affidabilita' del sistema; Neil Cafferkey continua a lavorare sulla ata.device; essendo questo un componente critico di AROS, ogni volta che ci vengono messe le mani c'e' sempre il rischio concreto che qualche cosa non funzioni piu' come prima e, soprattutto, una volta aggiustato per bene, che ci si chieda come cavolo facesse a funzionare decentemente prima, ma andiamo con ordine.

Un patch aggiornato di ata.device era stato fornito con Icaros Desktop 1.1.1 ma l'aggiornamento era stato provvisoriamente rimosso da Paolo Besser in quanto provocava problemi seri su computers con scheda southbridge AMD SB600 o con architetture simili; nei quali la scrittura al disco ne rovinava la partizione; oltre a questo altri utenti si trovavano a vedere il solo puntatore con schermo nero; per questi la soluzione e' un pochino meno drastica; traduco dal sito di Icaros Desktop:

Se non potete fare il boot di Icaros e la fase di boot si ferma dopo che il puntatore e' apparso sullo schermo, per favore eseguite la seguente procedura per risolvere il problema:
  • accendete il PC;
  • scegliete una risoluzione dal menu di GRUB ma NON premete Enter;
  • invece premete 'E';
  • portate il cursore dopo la stringa "ATA=32bit" e cambiatela in "ATA=nodma" o "ATA=nopci" (a seconda di cosa funziona meglio sulla vostra macchina)
  • quindi premete CTRL+X per continuare la fase di boot;
Se la fase di boot ha successo aprite il file /boot/grub/grub2.cfg con l'editor di AROS, cercate per la stringa "ATA=32bit" e rimpiazzatela con "ATA=nodma" o "ATA=nopci". Puo' essere fatto facilmente usando la funzione "sostituisci" nel menu "Ricerca" dell'editor.

Parallelamente a questo, in risposta al problema esposto da Paolo Besser, Neil Cafferkey risponde sulla mailing list degli sviluppatori in questo modo:

Penso di aver trovato la causa di questi problemi: non vengono settati i registri temporizzatori (timing registers) del controller.

Suppongo che quando DMA funzionava *correttamente* nelle vecchie versioni del driver era solo per coincidenza? ata.device resettava il modo del drive precedentemente settato dal BIOS e quindi non c'era bisogno di cambiare i registri temporizzatori.

Se vogliamo usare un drive in un modo che non e' stato settato dal BIOS, dobbiamo settare i registri temporizzatori in modo che si sincronizzino con quel modo. Sfortunatamente, non c'e' uno standard comune per questi registri temporizzatori, e questo spiega il perche' ad esempio Linux possieda numerosi drivers PATA: uno per Intel, uno per ATI, uno per Silicon Image,ecc.

Questo problema probabilmente si e' accentuato a causa del fatto che la nuova versione del driver legge i registri di rapporto del cavo per determinare se un cavo a 80 fili - necessario per la modalita' ad alta velocita' UDMA - viene correntemente utilizzato. Il mio errore e' stato di presumere che tutti i controller PCI seguissero le specifiche T13 per questi registri, ma mi sarei dovuto ricordare del fatto che le specifiche sono state pubblicate solo recentemente, nel 2003. Le specifiche T13 sono implementate da Intel (e io possiedo solo macchine ed emulatori con il chipset Intel su cui fare i miei test) e io sosp[etto che le specifiche T13 non sono altro che il design finora utilizzato da Intel. Altri produttori hanno registri del controller incompatibili con questo.

Da cio' deriva che su dei controller non-Intel il driver determinera' scorrettamente che sono installati solo cavi a 40 fili e ridurra' il modo DMA da, diciamo, UDMA5 a UDMA2. Siccome la temporizzazione e' ovviamente sbagliata ecco che la corruzione dei dati e' inevitabile.

Come soluzione, almeno nel breve termine, propongo che ata.device non cerchi di settare un modo per ogni drive ma semplicemente rilevi e usi il modo gia' settato dal BIOS. Spero solo che questo non porti a un forte degrado della performance in molti casi: nel mio test sembra che i BIOS delle macchine piu' moderne siano gia' in grado di settare da soli il modo piu' adatto per ogni drive per default. Questa fix e' gia' testata in locale da me, inoltre ci stiamo gia' appoggiando al BIOS per settare gli indirizzi delle schede PCI e abilitare il bus-mastering quindi questo e' solo una cosetta in piu'.

Nel lungo termine invece dovremmo cercare di settare i temporizzatori da soli, ma questa pare essere una procedura complessa e probabilmente non porterebbe a nessun miglioramento di performance nella maggior parte dei casi.

Per aiutare a confermare la mia teoria, ho settato uno dei dischi del mio PC in modo MDMA via bios invece che UDMA, ed ata.device non e' riuscita ad accedervi dopo aver settato il drive in modo UDMA2. H funzionato perfettamente, invece, dopo che il BIOS ha settato il disco come UDMA (attualmente UDMA1 ma comunque abbastanza simile da non causare errori).


Una volta aggiustato ata.device l'aggiornamento 1.1.1 di Icaros e' stato di nuovo reso disponibile.
Paolo sul sito ha espresso come, nonostante lui stia cercando di fornire la massima stabilita' per quel che riguarda le librerie di sistema e i programmi supportati, possa capitare che certe cose non vengano testate a fondo, anche perche' non e' possibile farlo su tutte le configurazioni hardware; Paolo inoltre assicura come, nonostante l'attuale incidente, la situazione sia anche migliorata visto che ora AROS riesce ad avviarsi su macchine in cui finora non aveva mai funzionato e come i danni siano stati fortunatamente limitati anche dal fatto che gli utenti sono consci della natura ancora beta di AROS e cercano di prendere piu' precauzioni possibile visto che nei sistemi open source questo tipo di inconvenienti, senza andare a scomodare Linux e i suoi guasti, siano non dico frequenti ma accadono.

Recentemente Neil ha anche aggiustato altri problemi di ata.device, compreso il come ata.device sia stata convinta della presenza di due lettori DVD nel caso si usasse un lettore via SATA. Altri piani comprendono il cambio del sistema di numerazione delle periferiche dato da ata.device

 Attualmente Neil sta controllando la gestione DHCP che tende a bloccarsi e occupare la CPU al 100% in caso AROSTCP venga interrotto da comando CTRL-C o dal comando shell arostcp stop.

In parallelo Michal Schulz ha lavorato per accelerare la resa grafica sotto ATI Radeon, la scheda grafica che usa con Efika; Sia Michal che Kalamatee hanno appurato come il disegno dei temi rallenti notevolmente il refresh del Wanderer, cosa che su una scheda come la Efika viene avvertita particolarmente; Michal ha lavorato alacremente per accelerare le varie operazioni di redraw del display e i risultati su schede ATI Radeon,sia sotto Efika che sotto x86 sono notevoli: a dire di Nikos, tester dei driver, le prestazioni sotto x86 sono migliorate incredibilmente; Kalamatee, oltre a lavorare per migliorare Wanderer come gia' descritto in articoli precedenti, stava meditando di chiedere che gli venisse assegnata la bounty per ridisegnare il Graphic Subsystem, ma al momento non si sa niente di piu' su questo.

Infine da segnalare un avvenimento raro nell'attuale panorama amighista: con uno sforzo congiunto utenti di Amiga OS, MorphOS e AROS hanno partecipato a raggiungere il goal dei 4000 dollari per la Poseidon USB bounty: Anche grazie all' iniziativa individuale di un membro della comunita', che si e' offerto di raddoppiare le contribuzioni ricevute, l'attuale quota e' di 4170 dollari. Chris Hodges ha iniziato a lavorare al port, il cui sorgente verra' aperto e offerto con la APL license e questo permettera' anche agli altri sistemi amiga-like di fare i propri port ed estensioni dello stack.

A coloro al di fuori delle comunita' amighiste probabilmente il concetto di bounty e' sconosciuto, visto che sistemi quali Linux per i progetti piu' importanti ricevono donazioni da parte di quegli enti, commerciali e in qualche caso governativi interessati nella prosecuzione e mantenimento degli stessi; invece per comunita' molto piu' piccole, quali quelle Amiga MorphOS ed AROS il sistema delle bounty rappresenta il maggior canale (pressoche' unico per AROS) di finanziamento; quindi appartengono ancora di piu' alle comunita' stesse, essendo le comunita' stesse anche enti sovvenzionanti, un po' come le cattedrali del medioevo.

Un ultima parola a proposito del portale Aros-exec: venerdi 22 Maggio il portale era stato ancora una volta chiuso a causa del reiterarsi di un exploit malefico: questa mattina il portale e' di nuovo in linea, con una nuova versione di xoops patchata contro gli exploit e con un nuovo tema grafico.
Nonostante questo, ricordo che Aros-exec e' principalmente orientato agli sviluppatori piuttosto che agli utenti; per questi ultimi continuo a consigliare di rivolgersi in Arosworld.org.
CULTURA
12 giugno 2008
Cultura: web -1.0: il sito del Corriere Adriatico on line
Quel che il sito del corriere adriatico online mi ha ritornato come home page il 10 giugno a ogniora del giorno che ho guardato

Una cosa di cui mi sono accorto sin da quanto sono venuto a vivere qui in california e' che improvvisamente ti ritrovi tagliato fuori dalle tue normali attivita' che avevi in italia e dalle tue amicizie che non dispongono di collegamenti internet... e anche quelle che hanno il collegamento hanno difficolta' a connettersi con te a causa del fuso orario.

E allora cosa fai? Cerchi di dare un occhio alla stampa locale, almeno a quella presente sulla rete come il corriere della sera, il resto del carlino, il messaggero e, ovviamente, il Corriere Adriatico.

E proprio del giornale marchigiano online vi voglio parlare. Amico fedele di chiunque passa al bar a far colazione trovandone una copia sui tavoli o attendendo che l'altro avventore ne finisca la lettura; bei ricordi: qui l'abitudine del giornale offerto ai caffe' non esiste, non completamente: puo' capitare che certi giorni qualcuno degli avventori del locale starbucks o ralph's ne lasci parte sul suo tavolino portandosi via quel che del (corposo) giornale che loro stessi hanno aquistato interessa ...

Chi e' stato di recente nella home page del Corriere Adriatico? Mi ritrovo davanti la stessa pagina almeno dal 2003, anno in cui il sito e' stato rinnovato, con pero' criteri gia' obsoleti ai tempi.

Certe volte consultare il sito e' una sorta di terno al lotto: i menu a discesa, messi li' con le vecchie routine javascript e non con i CSS come sarebbe opportuno, certi giorni funzionano altri giorni invece no, inibendo la navigazione del sito; stessa cosa per le voci laterali, senza contare la voce interventi che regolarmente ritorna errore asp.net ed altri errori sul generis.

Certe volte invece, come e' ieri, e' tutto il sito a non funzionare lasciandoti davanti a una triste pagina ASP.net come quella mostrata sopra. Oggi invece i contenuti sono gli stessi di due giorni fa...

Soprattutto, come dicevo poco sopra, e' l'impostazione stessa del sito ad essere sbagliata: solo una mera raccolta degli articoli, senza immagini, senza possibilita' di commentare come invece accade in altri quotidiani on-line, senza accessibilita' per dosabili o per leggerlo da browser in altri media che non isano il pc o il portatile di casa, legato alla filosofia che "il gornale si compra: quello online e' solo una cortesia", apparentemente ignorando le possibilita' di quadrare con le inserzioni pubblicitarie anche via rete.

E chi il giornale non lo puo' comprare? come me che sono a 10000 km da casa e che anche solo l'abbonamento postale comporterebbe ricevere il giornale della settimana prima se sono fortunato?

In fronte a questo, il sottoscritto dalla sua casella privata (il form per feedback anche lui ritorna errore) si e' deciso il 3 giugno scorso a scrivere una letterina, di cui faccio cortese copia.

Tra parentesi, sperando che magari un cospicuo numero di mail faccia decidere alla redazione almeno di riparare i buchi piu' grossi, penso sia buona cosa che tutti coloro che sono interessati da questa vicenda scrivano anche loro una bella lettera con i loro suggerimenti e i loro bug report alla casella di posta elettronica pubblica del corriere adriatico online a questo indirizzo.

Questo e' quel; che ho scritto io: voi siete liberi di creare il vostro contenuto.

Il sito non e' navigabile da browsers che non supportano javascript e CSS o che li tengono disabilitati;

i menu a discesa non funzionano in alcune ore del giorno, per cui la fruizione dei contenuti in quei momenti per quel che e' stato detto sopra non e' possibile;

la sezione degli interventi non funziona;
la sezione La storia non funziona;
La sezione inserti speciali non e' navigabile;
La sezione dei contatti non funziona(presenta un server application error come piu' avanti)


e verso le sei del mattino (11 pm ora locale della california) il sito presenta un Server Application Error come questo:

------------------------------------------------------
Server Error in '/' Application.
Runtime Error
Description: An application error occurred on the server. The current custom error settings for this application prevent the details of the application error from being viewed remotely (for security reasons). It could, however, be viewed by browsers running on the local server machine.

Details: To enable the details of this specific error message to be viewable on remote machines, please create a <customErrors> tag within a "web.config" configuration file located in the root directory of the current web application. This <customErrors> tag should then have its "mode" attribute set to "Off".

<!-- Web.Config Configuration File -->

<configuration>
    <system.web>
        <customErrors mode="Off"/>
    </system.web>
</configuration>


Notes: The current error page you are seeing can be replaced by a custom error page by modifying the "defaultRedirect" attribute of the application's <customErrors> configuration tag to point to a custom error page URL.

<!-- Web.Config Configuration File -->

<configuration>
    <system.web>
        <customErrors mode="RemoteOnly" defaultRedirect="mycustompage.htm"/>
    </system.web>
</configuration>
-------------------------------------

Senza contare il fatto che a differenza del quotidiano cartaceo le immagini negli articoli non sono presenti e non menzionando l'accessibilita'.

Inoltre la struttura risulta piu' come una vetrina per anticipare il giornale che un vero e proprio quotidiano online; visti anche altri siti quali il corriere della sera e il resto del carlino in cui sono permessi commenti e una navigazione piu' organizzata. (per ritorni economici poi la possibilita' di offrire spazi pubblicitari online dovrebbe compensare in parte il costo di un eventuale ristrutturazione del sito).

Essendo un marchigiano di nascita ma residente all'estero per me il sito del corriere adriatico e' uina finestra per poter dare un occhio alle mie zone natali e respirare un po' di aria (stantia ma questa e' un'altra storia) locale.

Spero che il mio bug report aiuti a migliorare il vostro servizio.

Distinti Saluti

Ad oggi nessun feedback dalla redazione.
DIARI
1 giugno 2008
Diario: Vimeo non funge! Panico!
Sono le tre e cinque del pomeriggio di un tipico sabato losangelino, caldo e secco; mezzanotte ora italiana: ho appena digitato l'indirizzo per vimeo e... niente! vuoto!

Speriamo che sia solo un temporaneo work in progress, ho messo i miei video e alcune delle mie musiche li'... vi faro' sapere in seguito.

AGGIORNAMENTO - 1 Giugno

Oggi vimeo funziona di  nuovo, fine panico:)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. video problemi musiche vimeo

permalink | inviato da saimon69 il 1/6/2008 alle 0:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Articoli Recenti

Who links to me?

Contatta Simone Bernacchia

 




IL CANNOCCHIALE